Generic selectors
Solo le parole esatte
Ricerca nel titolo
Ricerca nel contenuto

Anna Lisa Galizia, «Roberto Donetta. Fiori e Ombre» Dossier d’introduzione alla mostra, 2019

«Fiori e ombre» Fotografie dall’archivio di Roberto Donetta Mostra a cura di Anna Lisa Galizia, storica dell’arte novembre 2018 – aprile 2019 Dossier di approfondimento a cura di Anna Lisa Galizia ________________________________________________________

Fondazione Archivio Fotografico Roberto Donetta
Casa Rotonda
CH 6722 CORZONESO (TI)
info@archiviodonetta.ch

Testo di presentazione della mostra Odore di terra smossa, di terra vangata, di terra nera rivoltata e di un orto di montagna. Un orto dove crescono patate, coste, prezzemolo, sedano e anche qualche fiore – da sementi Donetta? – quel che basta per quei mazzi da mettere sull’altare, in chiesa, e da portare in cimitero. Girasoli, margherite, dalie, crisantemi, anche un’ortensia e una rosa, che fioriscono lungo il muro di cinta, vicino al cancello, non lontano dal sambuco. Fiori selvatici: barba di capra, aquilegia, mughetto e rosa di montagna; poche piante coltivate in vaso o esotiche, come quando muore qualcuno e il fiorista porta in paese, insieme ai cuscini di crisantemi e garofani, le corone di calle bianche. Immagini di giardini rigogliosi e fioriture memorabili, da riguardare in inverno, quando tutto sarà sotto la neve. Molte, le immagini di fiori nell’archivio fotografico di Roberto Donetta. Appaiono isolati, riuniti in composizioni decorative, in nature morte o in originali fotomontaggi. Sono una presenza, muta e costante, nelle fotografie di circostanza – matrimoni, anniversari, prime comunioni, riunioni di famiglia – e nei ritratti, dove affiancano i vivi e i morti; come testimoni del compiersi di un ciclo naturale. Osservandoli, vediamo le mani che li stringono, notiamo il contrasto tra la loro presenza fisica e la loro ombra, scarnificata, stampata su una veste. Li riconosciamo e li nominiamo anche quando circondano i morti del paese, ricomposti con cura per la veglia funebre e serenamente addormentati nei loro letti, per suggerire un’immagine di paradiso. Fiori freschi e fiori di cera riuniti per un omaggio effimero, come quelli che, d’ora in poi, verranno deposti sulle tombe, in un altro giardino. Fiori e persone, caduchi per natura, resi immortali dalla fotografia. Fin dalle prime sperimentazioni, la fotografia è stata vista come uno specchio dotato di memoria. Fissando in modo duraturo su di un supporto materiale la luce e l’ombra di «ciò che è stato» queste immagini di un nuovo tipo sembravano poter opporre resistenza alla natura fuggevole e immateriale del ricordo, destinato a svanire. Le prime testimonianze di immagini post mortem risalgono agli anni Trenta dell’Ottocento e coincidono con la nascita del dagherrotipo. Per tutto il secolo successivo, i ritratti postumi, storicamente riservati ai personaggi illustri, costituirono una delle attività principali dei fotografi professionisti. La manualistica dell’epoca si occupava di diffondere le conoscenze necessarie per fotografare al meglio i cadaveri, un’operazione delicata, che comportava, oltre a un notevole carico emotivo, anche non poche difficoltà tecniche, riguardanti principalmente il posizionamento del corpo, l’illuminazione, la ricerca di un’espressione serena del viso. Per Roland Barthes un cadavere (la prova fisica di una vita che c’è stata) e una fotografia (la traccia inconfutabile di un momento che è stato) sono simili. Ambedue significano assenza. Le immagini post mortem di persone comuni non appartengono più al nostro tempo. Possiamo solo immaginare il sentimento di chi le ha volute e poi guardate (quando? quante volte? con chi?). È probabile che servissero a ricordare la presenza fisica di una persona, il suo aspetto, in un tempo che riservava il ritratto a pochi privilegiati. Il cadavere è ciò che resta della persona che ci era cara, un’ombra, e la ricercata analogia tra morte e sonno che caratterizza i ritratti post mortem sembra costruita ad arte per consolare e rassicurare i vivi. Un’immagine propedeutica di cui abbiamo dimenticato l’utilità. «Preferisco ricordarlo da vivo» è quello che ci diciamo quando cerchiamo conforto allontanando la realtà della morte, forse con la tacita speranza di poter essere risparmiati. Questo ci separa dalle immagini post mortem di Roberto Donetta. Come l’Echinopsis, una cactacea originaria dell’America del sud, forse giunta in valle per illustrare le meraviglie di una nuova patria, esse continuano a ricordarci che stiamo vivendo la nostra breve e generosa fioritura notturna. Le immagini della morte Ritratti post mortem, si tratta delle immagini di defunti, vestiti e ricomposti nel loro ambiente, realizzate dai fotografi professionisti tra il 1830 circa (primi dagherrotipi) e per tutto il secolo successivo. L’abitudine di conservare le sembianze del volto dei morti – che la nostra sensibilità contemporanea fatica a concepire – con calchi, dipinti o sculture ha in realtà una tradizione molto antica. Nell’antichità, essa era riservata all’aristocrazia. Le famiglie patrizie avavno il diritto di conservare a casa il calco in cera del viso dei loro antenati morti, che venivano allestiti come alberi genealogici nelle grandi occasioni e anche indossati e portati in processione. Lo storico greco Polibio (206 a.C. circa – 124 a.C.) scrive : « Dopo la laudatio funebris, il morto si seppellisce con gli usuali riti funebri e la sua immagine, chiusa in un reliquiario di legno, viene portata nel luogo più visibile della casa. L’immagine è una maschera di cera che raffigura con notevole fedeltà la fisionomia e il colorito del defunto. In occasione di pubblici sacrifici espongono queste immagini e le onorano con ogni cura; e quando muore qualche illustre parente le portano in processione nei funerali, applicandole a persone che sembrano maggiormente somiglianti agli originali per statura e aspetto esteriore. (…) Non è facile per un giovane che aspiri alla fama e alla virtù vedere uno spettacolo più bello di questo. A chi mai non sarebbe di incitamento la vista delle immagini, per così dire, vive e ispiranti di uomini famosi per i loro meriti? Quale spettacolo potrebbe essere più bello di questo?”. » Queste immagini rimarranno riservate alle élite fino all’avvento della fotografia, che ha democratizzato questa pratica. Le prime immagini post mortem coincidono con la diffusione della dagherrotipia e risalgono agli anni Trenta dell’Ottocento. La funzione di queste immagini si presta a diverse letture. Si trattava spesso dell’unico modo per avere l’immagine di una persona cara. Coloro che restavano potevano compiere il processo del lutto contemplandola e ricordando la persona venuta a mancare. È molto probahile inoltre che queste immagini volessero dare una visione appagata della morte, insistendo soprattutto sul parallelismo tra morte e sonno, un modo per rasserenare i famigliari con l’idea che il passaggio si fosse svolto serenamente e che il defunto fosse pronto per risvegliarsi alla vita eterna. Il declino di questa pratica viene messo in relazione con il diffondersi della fotografia domestica, che ha moltiplicato le immagini dei vivi rendendole accessibili. Il ritratto post mortem non costituisce più l’unico ricordo tangibile dell’essere amato. La diffusione degli apprecchi fotografici rende inoltre possibile ad ogni famiglia fotografare i momenti del distacco. » L’ultimo ritratto: parlano i fotografi Nei paragrafi che seguono, proponiamo alcune testimonianze di fotografi che praticavano il ritratto post mortem nell’Ottocento. Sono tratte dal catalogo della mostra Le dernier portrait, a cura di E. Héran, Musée d’Orsay, Parigi, 5 marzo – 26 maggio 2001, Réunion des Musées Nationaux, Parigi 2002 (traduzione libera dal francese dall’articolo di J. Bolloch, « Photographie après décès : pratique, usages et fonctions », pp.112 e seguenti) a cui rinviamo per approfondire la tematica. Molte famiglie si rendono conto di non possedere nessuna immagine del defunto da vivo ; di non aver ascoltato l’avvertimento con cui il fotografo americano Noah North ammoniva la sua clientela : « Noah North vuol dire a tutti coloro che desiderino captare l’ombra prima che il soggetto svanisca, che il momento per farlo è adesso, fin tanto che la vita, la salute e le circostanze lo permettono. » « Oh signore, la mia piccola Armenia è morta e non posseggo il suo ritratto ; potreste venire immediatamente e fotografarla ? » chiede una madre sconsolata al fotografo Gabriel Harrison, autore dei ritratti post mortem di due suoi figli deceduti prematuramente. Nadar, che annoverava i ritratti dopo decesso tra le sue specialità, ricevette un giorno questa lettera : « Mio suocero è morto ieri e mio marito è disperato. Desidererei avere una fotografia di suo padre. Non so se vi facciate carico di queste dolorose sedute. Per mio marito sarebbe una grande dolcezza poiché insieme a suo padre hanno sempre stimato lei e le sue idee. Il mio povero suocero è mancato ieri mattina alle undici. Non è assolutamente cambiato, ma credo che sarebbe meglio farlo rapidamente. » Negli Stati Uniti, la ditta Southworth and Hawes annunciava fin dal 1846 « La nostra attrezzatura ci permette di realizzare ritratti miniatura di bambini e adulti istantaneamente, e di defunti, nel nostro studio o al loro domicilio. Ci impegnamo per ottenere delle miniature di defunti piacevoli e soddisfacenti, e il risultato è spesso tanto naturale che sembrano, anche agli occhi degli artisti, profondamente addormentati. » « La tecnica da me scelta consisteva nel vestire i corpi e stenderli su di un sofà. Semplicemente adagiati, come se stessero dormendo. Incontrai il mio primo ostacolo. Si trattava di un ragazzo di circa dodici anni. Mi ci volle molto tempo per ottenere che la famiglia mi lasciasse agire come lo desideravo, ma finii per impormi. Insisto su questo punto, che è primordiale : dovete procedere come meglio vi pare, nella misura in cui il corpo può essere manipolato e piegato. Potete farlo fintanto che le articolazioni lo permettono, e fargli assumere una posizione naturale. » Tra le prime immagini conosciute, molte cercano di dare l’impressione che la persona sia addormentata. Molti testi pubblicitari dell’epoca insistono su questo punto, e l’associazione morte-sonno non è nuova : le divinità greche Ipno e Tanato non sono forse gemelli ? Si raggiunge questa illusione riprendendo il soggetto in primo piano, con la testa che riposa su di un cuscino. (…) Desidéri procede in modo diverso, cercando di cancellare in modo radicale l’immagine della morte : « Ogni volta che siamo stati chiamati ad eseguire un ritratto dopo il decesso, abbiamo vestito il morto con i suoi abiti abituali. Ci siamo raccomandati affinché gli si mantenessero gli occhi aperti, lo abbiamo messo a sedere vicino a un tavolo e abbiamo atteso sette o otto ore per metterci all’opera. In questo modo abbiamo potuto catturare il momento in cui le contrazioni dell’agonia scompaiono, potendo riprodurre un’apparenza di vita. Questo è l’unico modo per ottenere un ritratto dignitoso, che non ricordi alla persona cui è caro, il momento così doloroso che le ha tolto chi amava. » Roland Barthes e le immagini della madre morta; guardare la fotografia di qualcuno che non c’è più Roland Barthes (Cherbourg, Francia 1915 – Parigi 1980), filosofo, semiologo e critico francese, nel suo saggio La camera chiara. Nota sulla fotografia (Parigi 1979 ; Torino, Einaudi 2003), rivela un episodio successivo alla perdita della madre : « Una sera di novembre, poco tempo dopo la morte di mia madre, mi misi a riordinare delle foto. Non speravo di ‘ritrovarla’, non mi aspettavo nulla da ‘certe fotografie d’una persona, guardando le quali ci par di ricordarla meno bene di quando ci accontentiamo di pensarla’ (Proust). Sapevo perfettamente che, a causa di quella fatalità che è uno degli aspetti più atroci del lutto, per quanto consultassi le immagini, non avrei mai più potuto ricordarmi i suoi lineamenti (richiamarli interamente a me). (…) Le scorrevo, ma nessuna di loro mi pareva veramente ‘buona’ : nessuna performance fotografica, nessuna risurrezione del volto amato. » (p.65) « Così, solo nell’appartamento nel quale era morta da poco, io andavo guardando alla luce della lampada, quelle foto di mia madre, risalendo a poco a poco il tempo con lei, cercando la verità del volto che avevo amato. E finalmente la scoprii. Era una fotografia molto vecchia. Cartonata, con gli angoli smangiucchiati, d’un color seppia smorto, essa mostrava solo due bambini in piedi, che facevano gruppo, all’estremità d’un ponticello di legno in un Giardino d’Inverno col tetto a vetri. Mia madre aveva allora (1898) cinque anni, suo fratello sette. (…) Osservai la bambina e finalmente ritrovai mia madre. (…) Su quell’immagine di bambina io vedevo la bontà che aveva formato il suo essere subito e per sempre (…) ». (pp. 69-70) « Nella Fotografia, la presenza della cosa (in un dato momento passato) non è mai metaforica e, per ciò che concerne gli esseri animati, non lo è neppure la sua vita, a patto di non fotografare dei cadaveri; e inolte : se la fotografia diventa in tal caso orribile, è perché certifica, se così si può dire, che il cadavere è vivo in quanto cadavere : è l’immagine viva di una cosa morta. Infatti, l’immobilità della foto è come il risultato di una maliziosa confusione tra due concetti : il Reale e il Vivente: attestando che l’oggetto è stato reale, essa induce impercettibilmente a credere che è vivo. A causa di quell’illusione che ci fa attribuire al Reale un valore assolutamente superiore, come eterno; ma spostando questo reale verso il passato (‘è stato’), essa suggerisce che è già morto. » (p.80) Fiori : una lista non esaustiva* dei fiori naturali presenti nelle fotografie di Roberto Donetta* • Rose alpine rododendri di montagna • Crisantemi a fiore grande e piccolo • Balsamine • Aquilegie • Camelie • Begonie • Yucca • Calle • Garofani di vario genere • Rose • Narcisi • Margherite di campo • Pratoline • Margherite da vaso • Fuscia • Gloxinia • Heuchera (?) • Ellebori Rose di Natale (?) • Stachys (?) • Pigne di conifere • Foglie di Chamaedorea elegans (o foglie di palma da dattero) e oblunga • Gigli • Callistephus chinensis • Cosmos (?) • Scabiosa * composta grazie al contributo di Mariachiara Cerinotti Ponzio

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: